Colapesce ~ Infedele

Colapesce, Infedele, Flat Circle Radio

Genere: Indietronica / Pop
Anno: 2017
Etichetta: 42 Records

Siamo agli sgoccioli di questo 2017 e vogliamo parlarvi di uno degli album italiani più belli dell’anno: Infedele di COLAPESCE.
La produzione del disco oltre che dall’artista stesso, è stata curata da Mauro Conte e da Jacopo Incani, in arte IOSONOUNCANE, con la sua ormai nota tendenza
maniacale alla perfezione.
L’album è pieno di contrapposizioni forti a partire proprio dalla copertina dove la foto di Lorenzo Urciullo nel giorno della sua prima comunione va in netto contrasto con il titolo dell’album Infedele.
Il cantautore siciliano ha anche spiegato in varie interviste che la sua infedeltà è più rivolta al mondo sempre più radio-pop dipendente della musica italiana piuttosto che a livello religioso.
Infatti nel disco sono presenti momenti di grande pop,contrapposti però a lunghi intermezzi musicali molto meno popolari ed è proprio qui che si sente la netta presenza di IOSONOUNCANE alla produzione.
Il disco è composto da tracce più movimentate, quasi ballabili e d’impatto,Ti attraverso, Totale, Maometto a Milano e altre più intime, più emozionanti ma nello stesso tempo più difficili da assimilare come Vasco de Gama, Compleanno, Sospesi.
Eppure sono proprio queste ultime che danno quel tocco in più e quella bellezza stilistica che in Italia riconosciamo in pochi altri autori.
Le influenze le ritroviamo soprattutto in Vasco di Gama e Decadenza e Panna che sembrano una miscela tra Sufjan Stevens, Father John Misty e il grande Tenco mentre in Ti attraverso e Totale vediamo quelle di Battisti e Battiato.
Rispetto al suo precedente lavoro Egomostro, Colapesce riesce a non essere troppo prolisso e a racchiudere tutto ciò che vuole dirci in 8 tracce concise, intrise di significato, mai banali o incoerenti.
È un album di luoghi e viaggi, di amore, sensualità e malinconia.
La cosa sicuramente più azzeccata del disco sono i cori, usati nel miglior modo possibile: come intermezzi, da accompagnamento e perfino come veri e propri temi principali: si combaciano perfettamente con la musica e ti ritrovi a canticchiarli in doccia, al supermercato, a lavoro… e nella vita di tutti i giorni.
La traccia più bella si fa attendere fino alla fine ma arriva lenta, bella ed emotiva.
Sospesi è un capolavoro senza tempo, la musica sembra arrivi direttamente dagli anni ‘60 ma è attualissima nel testo e nella linea melodica.
Colapesce si conferma portatore valido e non corrotto di un pop elettronico genuino che fa ballare e pensare che sì, si può ancora fare buona musica col cuore e con la mente!

…staremo sospesi dal 20 al 28 Dicembre,fanculo le feste, i regali, i cenoni, i panettoni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *